Jump to content
bagGIO86

*ITA Version* PMC USEC: article from the Soldier magazine

Recommended Posts

bagGIO86

Società militare privata USEC
Articolo dalla rivista Soldier
Agosto 2011 #escapefromtarkov
In questo numero continueremo la nostra serie di articoli sui mercenari moderni, le storie dei più grandi eserciti privati di oggi e delle loro operazioni. Naturalmente, ci sono un sacco di omissioni in queste storie, dopo tutto, né i mercenari, né i loro datori di lavoro sono molto desiderosi di condividere i dettagli delle loro attività. Tuttavia, scavare diligentemente nell'argomento porta a risultati soddisfacenti. Questa volta rivolgeremo la nostra attenzione sugli USEC, la sempre più famosa compagnia militare privata. L'istituzione di questa azienda è associata principalmente a due nomi: Brian Kernighan, un uomo d'affari americano, e John Berger, un colonnello in pensione della Royal Marines.

All'inizio della sua carriera, Brian Kernighan non aveva nulla a che fare con le forze armate. Avendo ereditato la ditta di autotrasporti di suo padre, decise di proseguire in questa rischiosa, e quindi redditizia direzione: trasportare merci attraverso la frontiera messicana e attraverso i deserti degli stati del sud. Come Kernighan stesso ha ammesso in una delle sue rare interviste, ben presto si rese conto che aveva sottovalutato il pericolo. Di tanto in tanto, i camion furono attaccati, e talvolta scomparvero. In seguito, Kernighan ha iniziato ad assumere compagnie di guardie armate, che gli permise di prendere ordini di maggior valore e ricevere rendimenti più elevati. Nel corso del tempo, l'uomo d'affari si rese conto che era meglio avere una propria guardia armata. È così che l'azienda iniziò ad assumere mercenari professionisti, ed acquisire una flotta di veicoli blindati. Consecutivamente, il numero di clienti che chiesero servizi di supporto, piuttosto che il trasporto, aumentò. Questo fu un punto di svolta per Kernighan; sapeva che era il momento di cambiare metodo di lavoro.
Tuttavia, come un uomo d'affari esperto, Kernighan subito capì che non sarebbe andato lontano senza qualcuno con esperienza nella gestione di personale militare. Quindi, decise di subentrare in una attività già esistente acquistando la società Red Bird di George Steiner. Così fu creata la KerniSEC, una delle future metà del USEC.
Non molte cose si sanno di George Steiner - fu un generale di brigata della United States Army (Ret.), un veterano della guerra del Golfo, ora membro del Consiglio e COO di USEC. Steiner diventò il co-proprietario della società militare privata Red Bird dopo il pensionamento nel 1994 seguendo l'invito di un vecchio amico e collega. La società riuscì a competere abbastanza bene con altri PMC per buona parte del tempo, ma conseguentemente alla morte del suo fondatore passò sotto il pieno controllo di Steiner. Come si è scoperto, egli probabilmente fu un buon ufficiale, ma non altrettanto un uomo d'affari, e abbastanza presto la Red Bird andò in declino e permise a Kernigan di acquistarla per un prezzo ragionevole, considerando il suo equipaggio arruolato e preparato e il parco veicoli.

La seconda figura significativa nella storia della fondazione dell'USEC è un vecchio coriaceo John Berger, colonnello della British Royal Marines, veterano della guerra del Golfo, e titolare di numerose decorazioni. Alcuni anni fa, John Berger ebbe una lunga intervista coi nostri colleghi dalla famosa British military media, così, oggi, la sua biografia è conosciuta abbastanza bene a condizione, naturalmente, che noi crediamo alla storia del colonnello.
Dopo il pensionamento, nel 1994, l'ufficiale veterano in servizio attivo si annoiò in fretta. Una sera, in un pub, un ex compagno gli propose, di partecipare per due anni come scorta di navi inglesi di passaggio nelle acque della Somalia. Lavoro facile e decentemente pagato. Non ci volle molto per Berger per prendere una decisione.
Tuttavia, il colonnello fu meno fortunato del suo amico: la nave fu attaccata durante il primo viaggio, e Berger, armato solo di una pistola, non riuscì a respingere l'attacco.
Tuttavia, questo fallimento stimolò Berger. Al ritorno nel Regno Unito, fu ancora una volta impiegato come una scorta, ma questa volta in compagnia di molti ufficiali in pensione e con attrezzature migliori. Segno del destino, la nave di Berger, venne attaccata da pirati per la seconda volta, ma questa volta fu pronto, e l'attacco venne respinto. Tornando a casa, creò immediatamente la Safe Sea maritime transport paramilitary escort company, la futura "seconda metà" dell'USEC.
La rapida ascesa della Safe Sea fu strettamente legata ad un'altra persona intrigante: un ex funzionario britannico e USEC attuale responsabile del Business Development, un regista ombra della società del Consiglio: Ronald Henry Hunt. Berger descrisse la loro conoscenza come puramente casuale, che avvenne nel 1998 in una crociera sul mare.
In ogni caso, il contatto fu proficuo e, proprio dopo questo, la Safe Sea segnò un contratto governativo redditizio dopo l'altro. Un anno dopo, Hunt smise il servizio pubblico e diventò associato di Berger. Secondo alcune indiscrezioni, fu Ronald Hunt a convincere Berger che la società avesse bisogno di passare oltre, a livello internazionale, e fissò un incontro per parlare di fusione con KerniSEC. In ogni caso, i negoziati ebbero esito positivo, e portarono alla costituzione dell'USEC nel 1999.

Le qualità commerciali di Kernighan, l'esperienza di combattimento di Steiner, la capacità di gestione di Berger e l'abilità diplomatica di Hunt si rilevarono una combinazione molto gratificante. La compagnia militare privata di nuova formazione registrò un rapido aumento, sostenuta dalla credibilità data dai contratti stipulati con il governo britannico. In tempi brevi, l'USEC venne notato dal Pentagono, per preparare una nuova guerra con Hussein.
Tuttavia, in Iraq, l'USEC fu solo uno dei tanti PMC. Cosa esattamente fece e quale fu il suo ruolo è quasi impossibile saperlo. In ogni caso, il suo nome non è mai stato menzionato in alcuno scandalo di alto profilo, a differenza di altri eserciti privati.
Una nuova svolta avvenne nello sviluppo aziendale nel 2007, quando USEC iniziò una stretta collaborazione con i principali Holding International Terra Group. Rumors sostennero che un cliente così importante venne da una fonte inaspettata: grazie ai contatti di George Steiner, che non fu precedentemente assegnato come lato attivo dello sviluppo dell'azienda ma vanne preferito per seguire il lato militare del business.
Tuttavia, la cooperazione con Terra Group portò all'azienda non solo un rapida crescita, ma anche una certa notorietà. I contratti con Holdings misero molto più spesso USEC nella posizione di difendersi da scandali, a volte di tipo internazionale, come quello nella Repubblica democratica del Congo nel 2009. Di solito, queste storie furono associate con un certo Gus Van Sant, un ex berretto verde, e ora capo del USEC Special Operations Department, che sta probabilmente effettuando delle missioni non-standard per la società.
Al momento USEC ha di fatto trasformato in "guardie in-house" del Terra Group Holding, guardie dalla reputazione ambigua. Il tempo ci dirà se la scelta Kernighan e Berger hanno fatto è quella giusta, o è l'inizio della fine della società, una volta gloriosa.
Il mese successivo continuerà la nostra serie di articoli dedicati al fenomeno dei Mercenari, tentando uno studio più approfondito della storia della questione. Rimanete sintonizzati.

soldier_mag_1.jpg.b8f78db9f995b6db8bb940fea7698a53.jpg.ef04eb7cadb3ed2be0e96f16c2f9a383.jpg

soldier_mag_2.jpg.5bb628551881ad9b12e91ca335b9ad27.jpg.72becc22667f048581deedcbe1a92bed.jpg

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Blackb1rd

Thank you, Emissar Baggio! The link to your translation added to the offical news. 

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Natalino

Great work man.  I hope to see more.

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
BrandonS101

Awesome, good job! Hope to see you do more like this!

  • Like 1
  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
bagGIO86

@BrandonS101 for sure!! If i have time i translate the same day...

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
bagGIO86
9 hours ago, .Motorola. said:

USEC??? booooooo.

AHAHHAAHAHA!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
.Motorola.
19 hours ago, baggio said:

AHAHHAAHAHA!!!

 Ride bene chi ride ultimo , ci vediamo in Tarkov ;)

Edited by .Motorola.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...
b38e7c858218a416ef714554dce933a2